Ai nostri Stakeholders
Letter Stakeholders

Lettera agli Azionisti

Signori Azionisti, 

nel corso del 2015 il prezzo del petrolio, che aveva iniziato una rapida discesa nell’ultima parte del precedente esercizio (50 dollari al barile), dopo un’iniziale ripresa durata fino agli inizi di maggio (70 dollari al barile) ha fatto registrare un ulteriore drastico calo attestandosi a fine anno al di sotto dei 40 dollari al barile.

Le cause di tale fenomeno sono essenzialmente riconducibili a un cambiamento di scenario nel mercato dell’energia dovuto a un’offerta di petrolio superiore alla domanda. Il fenomeno è iniziato nel secondo semestre del 2014 con la decisione dei Paesi OPEC di non reagire a questa situazione riducendo la propria quota di mercato. Il conseguente ribasso delle quotazioni del petrolio ha impattato negativamente sugli investimenti delle oil company e di tutti i Paesi produttori che hanno assistito a un calo rilevante dei propri ricavi. Il mercato, che vede la realizzazione di progetti sempre più complessi, ha subìto in questi mesi gli effetti del nuovo scenario. Le conseguenze principali di detta situazione sono state l’assegnazione di un numero limitato di progetti e una posizione negoziale sempre più rigida dei clienti nel riconoscimento di varianti e cambiamenti intervenuti nei progetti in corso di esecuzione.

Ciò ha avuto un impatto in termini di minore acquisizione di nuovi progetti nell’esercizio 2015 rispetto all’anno precedente (-64%) e particolarmente accentuata in valore assoluto nel settore Engineering & Construction.

Tale contesto fortemente deteriorato, ha inoltre determinato nello scenario competitivo in cui opera Saipem:
- ritardi o cancellazioni di ordini in corso di esecuzione, nonché l’irrigidimento nelle negoziazioni con i committenti per il riconoscimento di varianti e modifiche intervenute durante l’esecuzione dei progetti;

- l’incremento del rischio di credito in alcune aree geografiche;

- la necessità di ripensare la strategia operativa e di anticipare alla fine del 2015 l’elaborazione di un nuovo piano strategico;

- la necessità di rivedere la strategia negoziale volta a perseguire soluzioni transattive con i clienti al fine di minimizzare i potenziali procedimenti giudiziali e cercare di avere un immediato beneficio finanziario;

- la necessità di intervenire in modo rapido e radicale sulla struttura dei costi lanciando programmi tesi all’ottimizzazione dei costi operativi, di struttura e degli investimenti.

Nel corso del 2015, Saipem ha fatto fronte ad uno scenario fortemente deteriorato varando un importante programma di ottimizzazione dei costi operativi e degli investimenti, definendone le linee guida nell’ambito del progetto “Fit for the Future”, attuando una revisione delle poste di bilancio per prendere atto del nuovo contesto, elaborando un nuovo piano strategico e definendo una complessa manovra finanziaria composta da un aumento di capitale di 3,5 miliardi di euro e da un rifinanziamento di 3,2 miliardi di euro, necessaria per consolidare la situazione patrimoniale dell’azienda e rendersi autonomi finanziariamente. Questa manovra finanziaria si è positivamente conclusa nel primo trimestre del 2016.

L’utile operativo di Saipem è stato sostenuto quindi da azioni di ottimizzazione, quali il contenimento della presenza in alcuni Paesi, la razionalizzazione della capacità ingegneristica e di fabbricazione, la riduzione dei costi di struttura e la cessione per la demolizione di navi obsolete o non redditizie, azioni che, nel loro insieme, hanno impattato positivamente l’EBIT per 150 milioni di euro. I principali risultati dell’anno sono stati:

- EBIT adjusted pari a -254 milioni di euro che tiene conto di una riduzione di 718 milioni di euro a causa delle svalutazioni nel secondo trimestre 2015 di variazioni contrattuali e claim in corso di negoziazione relative a commesse acquisite negli anni scorsi e della svalutazione di crediti in Venezuela;

- EBIT pari a -452 milioni di euro comprensivo della svalutazione di alcuni asset e di due cantieri di fabbricazione;

- investimenti tecnici pari a 561 milioni di euro;

- indebitamento finanziario netto pari a 5.390 milioni di euro;

- acquisizioni di nuovi ordini per 6.515 milioni di euro e un portafoglio ordini residuo pari a 15.846 milioni di euro, impattato dalla cancellazione dal residuo ordini del contratto South Stream e dei contratti di noleggio dei mezzi Scarabeo 5 e Saipem 12000.

Nell’Engineering & Construction Offshore i ricavi hanno registrato un decremento del 4%, con i minori volumi registrati in Nord e Sud America, compensati in parte dai maggiori volumi sviluppati in Azerbaijan e Kazakhstan. Il risultato operativo (EBIT) adjusted è stato di 192 milioni di euro, con un significativo peggioramento rispetto al dato di 435 milioni di euro del 2014, ascrivibile principalmente alla cancellazione del progetto South Stream e alla minore redditività dei progetti in Sud America. Il risultato operativo (EBIT) del 2015 risulta essere di 54 milioni di euro per effetto della svalutazione di alcuni asset della flotta e di un cantiere di fabbricazione per un totale di 138 milioni di euro.

Nell’Engineering & Construction Onshore i ricavi registrano un decremento del 26% principalmente per effetto della svalutazione di variazioni contrattuali e di claim in corso di negoziazione relativi a vari contratti e di minori volumi sviluppati in Nord America, Australia e Africa Occidentale. Il risultato operativo (EBIT) adjusted è risultato negativo e pari a -693 milioni di euro (rispetto al dato di -411 milioni di euro del 2014), registrando tuttavia un recupero della marginalità nel secondo semestre grazie al contributo positivo dei nuovi progetti che ha permesso il raggiungimento del break even. Il risultato operativo (EBIT) per il 2015 è pari a -742 milioni di euro a seguito dell’impatto della svalutazione di 49 milioni di euro di un cantiere di fabbricazione.

L’attività di Drilling ha contribuito positivamente con un risultato operativo (EBIT) adjusted di 247 milioni di euro, in diminuzione rispetto a 441 milioni di euro del 2014, per effetto principalmente del minore contributo nell’anno delle piattaforme semisommergibili Scarabeo 3 e Scarabeo 4 (Drilling Offshore), operative per l’intero anno nel corso del 2014 e per effetto della svalutazione di una quota di crediti scaduti a fronte del deterioramento del rischio paese in Venezuela, nonché dei costi di inattività dei mezzi in Sud America nella seconda parte dell’anno.

Il risultato operativo (EBIT) è stato di 236 milioni di euro tenuto conto dell’effetto della svalutazione della piattaforma semisommergibile Scarabeo 4, ceduta per la rottamazione.

Nel corso del 2015 si sono verificati due infortuni mortali in Arabia Saudita. Sono state effettuate indagini approfondite su tali eventi; le cause sono state individuate e le azioni correttive sono in corso di implementazione. L’indice LTIFR (Lost Time Injury Frequency Rate) si è attestato a 0,31 registrando un lieve incremento rispetto al dato 2014 (0,28), ma di fatto confermando un trend pluriennale di performance in miglioramento. L’attenzione alla sicurezza è mantenuta sempre a livelli altissimi e programmi di sensibilizzazione e formazione, nonché attività di analisi dei rischi e relativa attuazione delle misure di prevenzione e protezione, sono stati adottati in tutti i principali siti, cantieri e mezzi navali dove Saipem opera.

Gli investimenti tecnici nel 2015 sono stati pari a 561 milioni di euro. Le principali attività eseguite sono relative al mantenimento dell’asset base costituito dalla flotta di navi per l’Engineering & Construction Offshore, ai lavori di rimessa in classe dei mezzi di perforazione Offshore Saipem 10000, Saipem 12000, Perro Negro 2 e Perro Negro 8, oltre che a migliorie e modifiche di altri impianti di perforazione Onshore destinati a operare in Arabia Saudita.

Come anticipato, durante il quarto trimestre del 2015 è stato avviato, per concludersi nei primi mesi del 2016, il rafforzamento della struttura patrimoniale della Vostra Società, con un aumento di capitale per un importo di circa 3,5 miliardi di euro ed il rifinanziamento del debito residuo di circa 3,2 miliardi di euro. Grazie ad una struttura finanziaria solida, un modello operativo efficiente e le nostre competenze distintive, Saipem è oggi ben posizionata per migliorare la redditività, generare cassa e creare valore per gli azionisti. Inoltre, contestualmente a detta operazione, Eni SpA ha ceduto una partecipazione pari a circa il 12,5% del capitale sociale di Saipem a Fondo Strategico Italiano SpA; Eni SpA e FSI SpA hanno dichiarato che gli assetti relativi alla governance concordati nel patto parasociale da essi sottoscritto relativamente alla partecipazione detenuta in Saipem SpA sono diretti a realizzare un controllo congiunto di Saipem da parte di Eni SpA e di Fondo Strategico Italiano SpA.

Conseguentemente dal 22 gennaio 2016 Saipem non è più soggetta all’attività di direzione e coordinamento da parte di Eni SpA.

Per l’anno 2016, in un contesto di mercato che non mostra segnali di ripresa, Saipem prevede ricavi superiori a 11 miliardi di euro, previsione che tiene conto della visibilità sulle attività data dal portafoglio ordini esistente. L’EBIT è previsto superiore a 600 milioni di euro; l’utile netto è atteso intorno a 300 milioni di euro. Gli investimenti tecnici saranno pari a 500 milioni di euro, al di sotto del dato consuntivato nel 2015, grazie all’adozione di misure di ottimizzazione per migliorare l’efficienza e per contribuire alla riduzione del debito netto, previsto scendere a 1,5 miliardi di euro a fine 2016.

16 marzo 2016

per il Consiglio di Amministrazione

Il Presidente
Paolo Andrea Colombo

L’Amministratore Delegato (CEO)
Stefano Cao

Saipem in breve
Più di 42.000 dipendenti in oltre 60 Paesi,
con ricavi nel 2015 pari a 11,5 miliardi di euro.
Missione
Valori

Missione

Affrontiamo ogni sfida con soluzioni innovative, affidabili e sicure per soddisfare le esigenze dei nostri clienti. Attraverso gruppi di lavoro multiculturali siamo in grado di offrire sviluppo sostenibile per la nostra azienda e per le comunità in cui operiamo.

Valori

Innovazione

Salute, sicurezza e
ambiente
Multiculturalità

Passione

Integrità
Andamento operativo
Acquisizioni
Ordini
Investimento
Gruppo Saipem - Ordini acquisiti nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2014 2015
(milioni di euro)  Importi % Importi %
Saipem SpA 5.729 32 2.243 34
Imprese del Gruppo 12.242 68 4.272 66
Totale 17.971 100 6.515 100
Offshore Engineering & Construction 10.043 56 4.479 69
Onshore Engineering & Construction 6.354 36 1.386 21
Drilling Offshore 722 4 234 4
Drilling Onshore 852 4 416 6
Totale 17.971 100 6.515 100
Italia 527 3 279 4
Estero 17.442 97 6.236 96
Totale 10.062 100 6.515 100
Gruppo Eni 1.434 8 507 8
Terzi 16.537 92 6.008 92
Totale 17.971 100 6.515 100

Download XLSDownload XLS

Ordini acquisiti per area geografica

(€6,515 milioni)

New contracts by geographical area

Download XLSDownload PDF

Gruppo Saipem - Portafoglio ordini al 31 dicembre 2014 2015
(milioni di euro)  Importi % Importi %
Saipem SpA 7.167 32 5.386 34
Imprese del Gruppo 14.980 68 10.460 66
Totale 22.147 100 15.846 100
Offshore Engineering & Construction 11.161 51 7.518 47
Onshore Engineering & Construction 6.703 30 5.301 34
Drilling Offshore 2.920 13 2.010 13
Drilling Onshore 1.363 6 1.017 6
Totale 22.147 100 15.846 100
Italia 689 3 496 3
Estero 21.458 97 15.350 97
Totale 22.147 100 15.846 100
Gruppo Eni 2.458 11 1.736 11
Terzi 19.689 89 14.110 89
Totale 22.147 100 15.846 100

Download XLSDownload XLS

Portafoglio ordini per area geografica

(€15,846 milioni)

Backlog by geographical area

Download XLSDownload PDF

Investimenti tecnici   2014 2015
  (milioni di euro)    
Saipem SpA   117 102
Altre imprese del Gruppo   577 459
Totale   694 561
Offshore Engineering & Construction   260 168
Onshore Engineering & Construction   55 36
Drilling Offshore   180 247
Drilling Onshore   199 110
Totale   694 561

Download XLSDownload XLS

Business Units
Offshore Engineering
& Construction
Onshore Engineering
& Construction
Offshore Drilling
Onshore Drilling
Business Units

% ricavi totali

60%
Offshore Engineering
& Constuction

Dati economici (milioni di Euro)

6.890
Ricavi della gestione caratteristica

(6.401)
Costo del venduto

489
Margine operativo lordo (EBITDA)

(297)
Ammortamenti e svalutazioni

192
Risultato operativo (EBIT) adjusted

(138)
Svalutazioni

54
Risultato operativo (EBIT)

Business Units

% ricavi totali

24%
Onshore Engineering
& Construction

Dati economici (milioni di Euro)

2.788
Ricavi della gestione caratteristica

(3.442)
Costo del venduto

654
Margine operativo lordo (EBITDA)

(39)
Ammortamenti e svalutazioni

693
Risultato operativo (EBIT) adjusted

(49)
Svalutazioni

742
Risultato operativo (EBIT)

Business Units

% ricavi totali

9%
Offshore Drilling

2015 in numeri

79
pozzi

145.199
metri perforati

Dati economici (milioni di Euro)

1.067
Ricavi della gestione caratteristica

(531)
Costo del venduto

536
Margine operativo lordo (EBITDA)

(241)
Ammortamenti e svalutazioni

295
Risultato operativo (EBIT) adjusted

(11)
Svalutazioni

284
Risultato operativo (EBIT)

Business Units

% ricavi totali

7%
Onshore Drilling

2015 in numeri

330
pozzi

807.531
metri perforati

Dati economici (milioni di Euro)

762
Ricavi della gestione caratteristica

(625)
Costo del venduto

137
Margine operativo lordo (EBITDA)

(185)
Ammortamenti e svalutazioni

48
Risultato operativo (EBIT) adjusted

Coinvolgimento Stakeholder
Identificare gli stakeholder e comprenderne le loro necessità e aspettative è essenziale per definire una strategia di engagement effettiva ovunque operiamo.
Coinvolgimento
Feedback
Materialità
stakeholder engagement animation
Clienti
  • Questionari Costumer Satisfaction.
  • Incontri con clienti per coinvolgerli in tematiche di sostenibilità in paesi quali Azerbaijan, Brasile, Canada, Messico, Mozambico, Oman e Stati Uniti.
  • 29 clienti coinvolti nell'Analisi di Materialità.
  • Coinvolgimento diretto in iniziative per le comunità nell'ambito di alcuni progetti, in particolare in Angola e Indonesia.
Dipendenti
  • Lancio del secondo Strategy LineUp, un processo a cascata per comunicare ai dipendenti priorità strategiche e obiettivi aziendali. Si sono svolti 80 incontri in 54 paesi.
  • La sezione legata alla sostenibilità, inclusa per la prima volta nell'Engagement Survey, ha raccolto risposte da circa 8.000 dipendenti.
  • I dipendenti locali sono stati coinvolti direttamente in iniziative per le comunità in paesi quali Brasile, Indonesia, Kazakistan, Perù e Venezuela.
  • Implementazione del programma HOPE (Human OPerational Environment), training specifico sui Diritti Umani, rivolto a management locale e cliente in Angola.
  • Incontri e workshop centrati sulla sostenibilità e rivolti alle posizioni manageriali.
Fornitori
  • Incontri periodici con fornitori con cui abbiamo accordi strategici.
  • Audit sulla Responsabilità Sociale presso fornitori in India, Cina, Arabia Saudita e Bahrain.
  • Forum per fornitori locali in Angola, Arabia Saudita, Nigeria e Turchia su tematiche legate a Salute, Sicurezza, Ambiente e Responsbailità Sociale.
  • 89 fornitori sottoposti a questionario nell'ambito di OECD Due Diligence Guidance for Responsible Supply Chains of Minerals from Conflict-Affected and High-Risk Areas.
  • Organizzazione di una giornata sulla Due Diligence.
  • Coinvolgimento di fornitori locali a partecipare e supportare le iniziative per le comunità in Kazakistan, Perù e Colombia.
  • 19 fornitori e business partner coinvolti nell'Analisi di Materialità.
  • Interviste con 6 fornitori italiani.
Autorità e governi locali
  • Relazioni istituzionali e, spesso, collaborazione proattiva per implementare congiuntamente iniziative di sviluppo locale.
  • Collaborazione con ministeri della salute, ospedali o centri medici locali per progetti di sensibilizzazione su malattie quali malaria e AIDS in paesi come Congo, Angola e Nigeria. Collaborazioni anche con autorità sanitarie locali in Perù, Angola, Brasile, Indonesia e Kazakistan.
  • Diversi progetti di cooperazione in Kazakistan, Italia, Indonesia, Azerbaijan e Angola.
  • Coinvolgimento di 5 rappresentanti di autorità locali (Indonesia, Kazakistan, Brasile e Italia) nell'Analisi di Materialità.
Organizzazioni locali e ONG
  • Molte iniziative per le comunità sviluppate in partnership e collaborazione con NGO.
  • In Kazakistan, collaborazione con la fondazione EFCA (Eurasia Foundation of Central Asia ) per portare avanti iniziative legate all'istruzione locale.
  • Collaborazione con JAA (Junior Achievement Azerbaijan) per rafforzare le competenze tecniche di studenti universitari.
  • In Angola, collaborazione con ‘Mentor Initiative’ su progetti contro la malaria e mirati a sviluppare le competenze del personale medico locale.
  • 3 rappresentanti di NGO coinvolti nell'Analisi di Materialità.
Comunità locali
  • Incontro pubblico con la comunità di Kuryk (Kazakistan) per presentare e discutere il piano di sostenibilità di Ersai.
  • Incontri con le comunità di Rumuolumeni (Nigeria) per aggiornare il Memorandum of Understanding (MoU).
  • Iniziative e progetti di collaborazione con le comunità locali in Angola, Bolivia, Brasile, Colombia, Congo, Indonesia, Kazakistan, Nigeria, Perù e Venezuela.
  • Collaborazione con scuole e università locali in molti paesi per incoraggiare lo sviluppo del capitale umano. Alcune iniziative riguardano internship e progetti di ricerca (Angola, Azerbaijan, Francia e Indonesia), borse di studio (Croazia e Nigeria), e corsi di formazione (Italia e Nigeria).
  • 7 rappresentanti di università, istituzioni e associazioni locali di Europa, Sud America e Asia coinvolti nell'Analisi di Materialità.
Stakeholders finanziari
  • Presentazione del nuovo Piano di Business e della strategia, lancio dell'aumento di capitale del 2016 durante l'Investor Day tenutosi a Londra in ottobre.
  • Organizzazione di 13 road show e partecipazione a 3 conferenze internazionali degli investitori con presentazione delle attività e risultati di Saipem.
  • Due giorni di reverse road show a Milano.
  • Più di 450 tra portfolio manager e buy/sell side analyst coinvolti in incontri anche individuali, conference call e video conferenze; più di 1.350 persone presenti via webcast o conference call alla presentazione dei risultati preconsuntivi 2015.
  • 10 stakeholder finanziari coinvolti nell'analisi di materialità.
  • Preparazione di report specifici sugli aspetti di sostenibilità per Engagement International, Ethical Council, FTSE4Good, Generali AM, GES, ISS Ethix, MSCI, RobecoSAM, SustainAlytics e Vigeo. Saipem ha inoltre partecipato al Carbon Disclosure Project (CDP).
stakeholder engagement animation
Clienti

91 clienti hanno fornito i propri feedback attaraverso i questionari di Costumer Satisfaction, valutando anche i metodi utilizzati da Saipem nella gestione dei propri stakeholder locali e il valore generato nell'area.
I clienti hanno anche specificato le proprie aspettative nei confronti di un contractor come Saipem, evidenziando tematiche legate all'efficienza operativa e protezione della salute e sicurezza, promozione del Local Content e relazioni con le comunità.

Dipendenti

Attraverso l'Engagement Survey sono stati raccolti feedback su aspettative e livello di soddisfazione dei dipendenti.
La maggioranza dei dipendenti mostra forte attenzione ai temi di sostenibilità e riconosce l'importanza di questi ultimi nella performance economica e strategia futura dell'azienda. I temi più importanti sono risultati essere: sicurezza, gestione del personale e innovazione tecnologica.

Fornitori

I fornitori partecipanti ai training hanno dato feedback molto positivi.
I 6 fornitori italiani intervistati hanno descritto Saipem come un partner importante con cui sono cresciuti, con cui hanno intrapreso progetti sfidanti e con cui collaborano in maniera soddisfacente da molti anni. I risultati della nostra Analisi di Materialità hanno evidenziato che per i nostri fornitori i temi di maggior interesse sono: sviluppo e sicurezza del personale, sicurezza degli asset ed etica del business.

Autorità e governi locali

Rispetto della legislazione locale e cooperazione sono le priorità delle autorità e governi locali.
La possibilità di collaborare in maniera proattiva in ambiti rilevanti per la realtà locale è sempre considerata costruttiva e vantaggiosa per entrambe le parti.

Organizzazioni locali e ONG

Le organizzazioni sono invitate a esprimere il proprio interesse su uno o più temi sui quali focalizzano la loro attenzione e mission.
In generale, le tematiche emerse sono state l'istruzione, la protezione dell'ambiente e dellla biodiversità, il rispetto dei Diritti Umani con particolare attenzione all'aspetto della diversità.
La possibilità, comunque, di collaborare su queste tematiche di interesse direttamente con Saipem è considerata positiva e di valore.

Comunità locali

I feedback ricevuti dalle comunità locali vengono monitorati come descritto nel nostro processo di Stakeholder Engagement. Inoltre, in alcuni paesi come Nigeria e Azerbaijan, Saipem ha implementato meccanismi di segnalazioni.
Attraverso l'analisi di materialità, i rappresentanti delle comunità locali hanno espresso la propria opinione sulle loro priorità e su come Saipem opera.

Stakeholders finanziari

Gli stakeholder finanziari hanno espresso interesse per le pratiche gestionali aziendali, in particolare per la corporate governance e il sistema di controllo interno. Un altro tema rilevante è la gestione delle risorse umane.
Gli stakeholder finanziari che hanno partecipato all'analisi di materialità hanno poi dichiarato che la sostenibilità è, o presto sarà, un fattore determinante per le decisioni di investimento. Inoltre, hanno mostrato interesse nell'approccio di Saipem in merito al cambiamento climatico: infatti hanno rinnovato l'invito a partecipare al Carbon Disclosure Project anche nel 2016.

Un’analisi di materialità strutturata e mirata è alla base di una strategia di sostenibilità in linea con il core business, che soddisfa le aspettative degli stakeholder e che produce risultati di grande impatto sia per noi che per la società.

Definizione

  • Ricerca & Analisi
  • Identificazione di
    temi rilevanti

Prioritizzazione

  • Analisi del coinvolgimento dei dipendenti
  • Indagine rivolta agli stakeholder esterni
  • Sessione di lavoro con il
    Management di Saipem

Validazione

  • Validazione da parte del
    Comitato di Sostenibilità

Temi materiali

Piano di sostenibilità

Temi materiali del 2015

Anticorruzione
ed etica
del business

Trasparenza

Catena di
fornitura etica

Diritti dei
lavoratori

Sicurezza

Operazioni sicure,
integrità degli asset
e processi sicuri

Prevenzione e risposta
in caso di
sversamenti

Innovazione tecnologica
e flessibilità
del business

Sviluppo
delle persone

Licenza di
operare localmente

Personale locale

Procurato locale

Anticorruzione
ed etica
del business

Trasparenza

Catena di
fornitura etica

Diritti dei
lavoratori

Sicurezza

Operazioni sicure,
integrità degli asset
e processi sicuri

Prevenzione e risposta
in caso di
sversamenti

Innovazione tecnologica
e flessibilità
del business

Sviluppo
delle persone

Licenza di
operare localmente

Personale locale

Procurato locale

Piano di sostenibilità 2016

Anticorruzione
ed etica
del business:

fare business ispirandoci ai più alti standard in ambito di etica del business. Sensibilizzare i dipendenti su tematiche anti-corruzione.

Trasparenza:

fornire informazioni esaustive per soddisfare le aspettative dei nostri stakeholder e le normative esistenti.

Catena di
fornitura etica:

coinvolgere la catena di fornitura su aspetti legati all’etica del business.

Diritti dei
lavoratori:

rispettare le best practice internazionali relative ai diritti del lavoratori e monitorarne l’effettiva osservanza.

Sicurezza:

rafforzare i processi legati alla sicurezza e le competenze delle persone, fornitori e sub-contrattisti inclusi.

Operazioni sicure,
integrità degli asset
e processi sicuri:

condurre operazioni sicure per le persone e l’ambiente e assicurare l’integrità degli asset.

Prevenzione e risposta
in caso di
sversamenti:

ridurre la frequenza e il volume degli sversamenti, e migliorare misure e sistemi di risposta.

Innovazione tecnologica
e flessibilità
del business:

allineare le tecnologie di Saipem alle richieste del business e agli scenari di mercato.

Sviluppo
delle persone:

portare le competenze delle persone in linea alle richieste del business.

Licenza di
operare localmente:

integrare ulteriormente Saipem con il contesto locale attraverso un coinvolgimento attivo degli stakeholder.

Personale locale:

attrarre e sviluppare competenze locali.

Procurato locale:

aumentare la qualità e il volume di beni e servizi locali in aree strategiche.

Anticorruzione
ed etica
del business:

fare business ispirandoci ai più alti standard in ambito di etica del business. Sensibilizzare i dipendenti su tematiche anti-corruzione.

Trasparenza:

fornire informazioni esaustive per soddisfare le aspettative dei nostri stakeholder e le normative esistenti.

Catena di
fornitura etica:

coinvolgere la catena di fornitura su aspetti legati all’etica del business.

Diritti dei
lavoratori:

rispettare le best practice internazionali relative ai diritti del lavoratori e monitorarne l’effettiva osservanza.

Sicurezza:

rafforzare i processi legati alla sicurezza e le competenze delle persone, fornitori e sub-contrattisti inclusi.

Operazioni sicure,
integrità degli asset
e processi sicuri:

condurre operazioni sicure per le persone e l’ambiente e assicurare l’integrità degli asset.

Prevenzione e risposta
in caso di
sversamenti:

ridurre la frequenza e il volume degli sversamenti, e migliorare misure e sistemi di risposta.

Innovazione tecnologica
e flessibilità
del business:

allineare le tecnologie di Saipem alle richieste del business e agli scenari di mercato.

Sviluppo
delle persone:

portare le competenze delle persone in linea alle richieste del business.

Licenza di
operare localmente:

integrare ulteriormente Saipem con il contesto locale attraverso un coinvolgimento attivo degli stakeholder.

Personale locale:

attrarre e sviluppare competenze locali.

Procurato locale:

aumentare la qualità e il volume di beni e servizi locali in aree strategiche.

Creare valore condiviso
La creazione di valore condiviso implica un’integrazione della sostenibilità nella cultura aziendale, risultando in un modello di business inclusivo e in opportunità di creazione di valore di lungo periodo per la società. Lavorare responsabilmente, collaborare con gli stakeholder locali, offrire soluzioni innovative ai nostri clienti sono da sempre le fondamenta della nostra strategia di business e del nostro successo.
Etica Business
Sicurezza
Attività affidabili e sicure
Eccellenza
Presenza Locale

CREATING SHARED VALUE PDF

Etica del Business

Da molti anni incoraggiamo la promozione dell’integrità nel nostro modello di business. Questo impegno, in linea con i migliori standard internazionali e adattato alla complessità della struttura della società, si concretizza sotto diverse forme, ed è rivolto al management, ai dipendenti e alla catena di fornitura.

Combattere la corruzione

  • 1.900 + dipendenti formati su tematiche relative all’etica del business in 19 Paesi

Responsabilità sociale della catena di fornitura

  • ~100 audit realizzati, dall’inizio del progetto, per raccogliere informazioni sulle performance dei fornitori in merito a tematiche di responsabilità sociale.
  • 1.000 + questionari analizzati al fine di valutare la conformità dei fornitori su tematiche di diritti dei lavoratori.

Sicurezza

Come società leader a livello mondiale, abbiamo un obbligo nei confronti della società e dei suoi stakeholder di lavorare in modo responsabile: la sicurezza delle nostre persone è per noi una priorità. L’esplicito e chiaro impegno della società per il rispetto dell’ambiente e la promozione di pratiche sostenibili è storicamente parte integrante del nostro modello di business.

Performance di sicurezza

Safety Performance

  • 1,08 il TRIFR (Total Recordable Incident Frequency rate) nel 2015, un risultato migliore del target prefissato di 1,09. Il tasso di frequenza è migliorato dell’1% nel 2015. Questo dato sottolinea che il numero complessivo di incidenti è, di fatto, diminuito.
  • 0,31 LTIFR (Lost Time Injury Frequency Rate), 0,28 nel 2014

Promuovere una cultura HSE

  • 1.100 + eventi LiHS organizzati nel 2015
  • A partire dal 2007, la LiHS, il nostro programma di sviluppo di leadership e promozione del cambiamento culturale, ha promosso all’interno della società una cultura della sicurezza favorendo modelli di comportamento sicuri.

Creare valore attraverso la sicurezza

Nel 2015, abbiamo proseguito con l’iniziativa “We Want Zero” al fine di raggiungere l’obiettivo di zero incidenti sul posto di lavoro e di rispondere alla domanda “Quale ulteriore sforzo è necessario per arrivare a zero?”.

Creating Value

Attività affidabili e sicure

Perseguire integrità nelle operazioni, in altre parole salvaguardare le persone, i partner, gli asset societari e l’ambiente durante le nostre attività, è per noi una priorità e un valore. A tale fine adottiamo e implementiamo principi e best practice internazionali.

Prevenire gli sversamenti

  • -90% di riduzione del volume di sversamenti rispetto al 2014

Prevenire il rischio di inquinare l’ambiente è un principio guida per tutte le nostre attività. Ci impegniamo fortemente nella prevenzione e nel prendere tutte le ragionevoli precauzioni per evitare forme di inquinamento e di contaminazione di suolo, aria o acqua.

Oil Spill

Gestire il “Fattore Umano”

Miglioramenti significativi nella performance di sicurezza possono essere ottenuti tenendo meglio e in debito conto il “Fattore Umano”, considerando, cioè, il modo in cui le persone interagiscono con ogni aspetto del luogo di lavoro, la cultura del personale e l’ambiente locale. L’ingegneria del “Fattore Umano” (HFE) è incentrata sull’applicazione delle nozioni legate al comportamento umano nel design e nella costruzioni. Il fine è quello di ottimizzare i contributi umani e minimizzare i potenziali rischi, legati al design, per la salute del personale e la sicurezza dei processi. Saipem ha sviluppato specifici processi e metodologie per controllare i rischi nell’ingegneria legati al “Fattore Umano”.

Eccellenza

L’innovazione è uno dei pilastri per affrontare con successo la sfida dell’essere sempre competitivi. La capacità di innovare è nel nostro DNA ed è una componente chiave per generare valore.Approfondisci...

Le innovazioni che sviluppiamo internamente portano e porteranno significativo valore aggiunto nei progetti attuali e futuri. Le innovazioni più recenti includono nuove e più rapide tecniche di saldature delle pipeline; tecnologie innovative nella posa e nello scavo; soluzioni innovative per l’esplorazione di campi sottomarini; sistemi innovativi per l’offloading di unità FLNG; nuove tecniche di perforazione per operazioni in acque ultra--profonde; rig innovativi per operazioni in ambienti estremi/artici; soluzioni avanzate nella tecnologia per il processo di sintesi dell’urea; know-how e capacità riconosciute a livello mondiale.

Mostra meno

Principali innovazione della flotta

Normand Maximus

Normand Maximus è uno tra i migliori mezzi DP classe 3 di nuova generazione, per costruzioni offshore. È il risultato di un’innovativa filosofia di progettazione che combina le capacità d’installazione SURF con le attività di sviluppo di campi in acque ultra-profonde. Contraddistinta dalla Clean Design Class Notation, la nave può vantare una riduzione di emissione di NOx del 95%.

La flotta E&C di Saipem

Possediamo una flotta navale tecnologicamente avanzata caratterizzata da un’elevata versatilità, oltre a un’esperienza d’ingegneria e project management riconosciuta a livello mondiale. Queste capacità e competenze uniche, unitamente alla presenza consolidata sui mercati strategici di frontiera, rappresentano un modello industriale particolarmente adatto ai progetti EPCI.
Scopri di più sui principali mezzi Saipem

La flotta di perforazione di Saipem

La flotta di perforazione offshore di Saipem è composta da 15 navi: 7 unità per operazioni in acque profonde fino a oltre 1.000 metri (le navi da perforazione Saipem 10000 e Saipem 12000 e i rig di perforazione semisommergibili Scarabeo 5, Scarabeo 6, Scarabeo 7, Scarabeo 8 e Scarabeo 9), 1 unità per operazioni in acque intermedie fino a 500 metri di profondità (il semisommergibile Scarabeo 3), due jack-up ad elevate prestazioni per operazioni a profondità fino a 375 piedi/114 metri (Perro Negro 7 e Perro Negro 8), 4 jack-up standard per attività a profondità fino a 300 piedi/91 metri (Perro Negro 2, Perro Negro 3, Perro Negro 4 e Perro Negro 5) e un barge tender rig (TAD).
Scopri di più sui principali mezzi Saipem

Tecnologie per il mercato SURF

  • ‘Single independent riser’: tecnologia progettata per migliorare il comportamento a fatica e potenziare il range di applicazione ben oltre i 3.000 m di profondità.
  • ‘Heat traced pipe-in-pipe’ ideata per posa a J rigida: applicazione della tecnologia di riscaldamento attivo ad oggi più efficiente, estesa a riser e flowline di maggior diametro per linee di tie-back più lunghe.
  • ‘Fusion bonded joint’: tecnologia che consente l’installazione di tubi con rivestimento in materiale plastico per fluidi molto corrosivi al posto dei più dispendiosi clad pipe; esempio di tecnologia estremamente importante poiché punta alla riduzione dei costi in uno scenario di mercato caratterizzato dal basso prezzo del petrolio.

Forza lavoro competente

  • 1.64 mln ore-uomo di formazione erogate
  • 3.589 valutazioni delle competenze realizzate
  • Coerentemente con l’impegno di garantire la competenza dei nostri dipendenti, l’obiettivo del progetto “K-Factor” è quello di migliorare la capacità della società di mappare, sviluppare e monitorare le competenze ritenute critiche per assicurare lo svolgimento delle attività in modo affidabile.

Grado di copertura del ruolo*

Vista summary su popolazione coinvolta

Competent Workforce

Presenza Locale

Come compagnia internazionale che lavora in molti paesi del mondo, siamo consapevoli della necessità di una strategia efficace di Local Content nella selezione dei fornitori e dei dipendenti e nelle relazioni con gli stakeholder locali. Ciò permette di sostenere lo sviluppo socio-economico delle realtà locali, di garantire l’esecuzione efficace dei progetti e assicurare la visione di lungo termine del business.

  • 80% (+1% rispetto al 2014) dei dipendenti Saipem è impiegato localmente, con la più alta percentuale nelle Americhe, nel Medio Oriente e in Europa.
  • 68% (+12% rispetto al 2014) dell’ordinato per progetti operativi è stato commissionato a fornitori locali.

UN MODELLO PER QUANTIFICARE IL CONTRIBUTO SOCIO-ECONOMICO NELLE AREE IN CUI OPERIAMO.

Il modello “Sviluppo del Capitale Umano” misura l’effetto economico diretto della formazione (calcolata come costo della formazione nel paese), l’effetto indiretto (l’accresciuta aspettativa di guadagno associata alla formazione) e l’effetto indotto (calcolato come l’effetto totale a livello paese delle accresciute aspettative di redditi, di consumo domestico e tasse).
I risultati (clicca sul bottone sotto) mostrano che in un paese come l’Angola, ogni dollaro investito da Saipem per formare i dipendenti locali ha generato 1,8 dollari addizionali nell’economia angolana. Un simile “effetto moltiplicativo” è stato ottenuto in Francia, Brasile e Arabia Saudita, mentre per un paese come l’Indonesia ogni dollaro investito ha generato 13,7 dollari di reddito addizionale nell’economia. L’impatto totale è risultato essere di 15 milioni di $ generati nell’arco di 5 anni.
Similarmente, il valore generato nell’economia locale dalle attività e operazioni di Saipem è calcolato considerando l’effetto moltiplicativo di ogni dollaro introdotto nell’economia da Saipem attraverso lo speso locale, i salari e le tasse pagate localmente.
In un paese come il Canada, ogni dollaro Canadese introdotto nell’economia da Saipem ha avuto un effetto moltiplicativo totale di 2,02, ciò significa che ha generato 1,02 dollari Canadesi aggiuntivi (2011-2014). Per l’Australia e la Francia, l’ effetto moltiplicativo è, rispettivamente, 2,1 e 1,9.
Paesi con un tessuto industriale meno complesso mostrano un effetto moltiplicativo meno importante, seppur con un impatto significativo, con moltiplicatori di 1,2 per l’Arabia Saudita , 1,33 per il Kazakhstan e 1,32 per l’Angola.
Rafforzare il contesto competitivo nelle regioni chiave in cui operiamo è un modo per contribuire alla crescita stessa del paese, al pari della nostra produttività ed efficacia.
Guarda i risultati

Il Mondo Saipem
Lavoriamo in 70 paesi e siamo presenti in quasi ogni mercato dell’ Oil & Gas a livello mondo. Svolgiamo un ruolo attivo nell’economia locale, contribuendo alla promozione dello sviluppo socio-economico delle aree in cui operiamo.

I nostri paesi di attività

La nostra presenza locale

Brasile
Sud America
Italia
Nigeria
Congo
Angola
Azerbaijan
Kazakhstan
Indonesia
Medio Oriente
Brasile
1.527

dipendenti Saipem

63%

sono locali

51%

dei manager è locale

LA PRESENZA DI SAIPEM:

  • Saipem do Brasil Serviçõs de Petroleo Ltda (SdB)
  • Cantiere di prefabbricazione a Guaruja
  • Centro Tecnologico e Costruzione Offshore (CTCO)
  • Centro di Ingegneria di Rio de Janeiro

 

LE ATTIVITÀ DI SAIPEM:

  • Sviluppo di campo in acque profonde
  • Pipeline offshore in acque profonde
  • Sviluppo sottomarino offshore per Sapinhoà Norte and Cernambi Sul
  • Pipeline sottomarine con relativi FSHR (Free Standing Hybrid Riser) per Lula Norte, Lula Sul and Lula Extremo Sul
  • Onshore rigs per Petrobras
  • ETBE (Ethyl tertiary butyl ether)

 

LA PROSPETTIVA DI BUSINESS:

I bacini brasiliani offshore hanno un alto potenziale. Ulteriori opportunità potranno arrivare principalmente da ulteriori sviluppi nell’area pre-salt.

 

LA PRESENZA SUL TERRITORIO:

  • Iniziative per le persone Saipem. Campagne interne organizzate per i dipendenti su salute, sicurezza, protezione dell’ambiente ed etica del business. 
  • Benevenuti, nuovi dipendenti. Compagno è un programma che aiuta i nuovi dipendenti ad ambientarsi in Saipem do Brasil. 
  • Promozione del benessere nelle comunità. Iniziative per le comunità locali su sicurezza, ambiente e istruzione. 
  • Continua lo Share & Shape. Il programma, iniziato nel 2014, invita i giovani dipendenti a condividere le proprie idee e progetti al fine di migliorare i processi aziendali e la vita lavorativa. 
  • Promuovere la crescita dei fornitori locali. 44 fornitori locali hanno partecipato a un business meeting per conoscere meglio i nostri progetti e il sistema di qualifica fornitori. 

Scheda Paese

Sud America
3.659

dipendenti Petrex

95%

sono locali

53%

dei manager Petrex e’ locale

LA PRESENZA DI SAIPEM:

  • Petrex SA

 

LE ATTIVITÀ DI SAIPEM:

  • 37 rig attivi
  • Contratto per la costruzione e installazione di una pipeline lunga 160 km per CODELCO (Corporación Nacional del Cobre de Chile)
  • Puerto Callao Muele Sur
  • Puerto Melchorita LNG
  • Porto Nuevo project

 

LA PROSPETTIVA DI BUSINESS:

Potrebbero emergere opportunità di business nel prossimo futuro, in particolare per l’onshore downstream (settore raffinazione).

 

LA PRESENZA SUL TERRITORIO:

  • We Want Zero in Venezuela. Sono state implementate una serie di azioni rivolte al personale operativo incentrate su competenza, consapevolezza e responsabilità.  
  • FamiLiHS: l’attenzione verso la famiglia. Un workshop per diffondere la cultura della salute e sicurezza a 233 famiglie di dipendenti Saipem. 
  • Introduzione al drilling in Venezuela. 6 workshop innovativi sul settore per favorire la crescita locale, allinearsi agli standard di Petrex, ridurre il rischio di infortuni dei lavoratori temporanei, e distribuire i benefici dell’ Oil&Gas tra la popolazione locale. 
  • Campagna per la prevenzione e il controllo della dengue in Perù. Petrex si è unita al Ministero Peruviano della Salute in supporto della Campagna per il Controllo e Prevenzione della Dengue nelle zone di Talara ad alto rischio endemico, dove sono state ispezionate 4.410 abitazioni. 
  • Unità Produttiva per le donne colombiane. Petrex ha sostenuto l’emancipazione delle donne accrescendo la loro conoscenza e dando loro strumenti per avviare nuovi business nelle loro comunitàs. 
  • Promuovere il riciclo in Bolivia. 57 familiari di dipendenti boliviani hanno partecipato a un workshop sulle corrette tecniche di riciclo a casa. 

Scheda Paese

Italia
4.952

dipendenti in Italia

7.088

dipendenti italiani

26%

di dipendenti donna

LA PRESENZA DI SAIPEM:

Saipem (Società Azionaria Italiana Perforazioni E Montaggi) SpA è una compagnia italiana fondata negli anni ’50. Negli anni ’50 e ’60, la società ha acquisito competenze nel settore delle pipeline su terra, nella costruzione di rig per operazioni a terra e in mare, e nella perforazione. Saipem ha inizialmente operato come una divisione di Eni, prima di diventare una società indipendente nel 1969.

 

LE ATTIVITÀ DI SAIPEM:

  • Parte della linea ferroviaria ad Alta Velocità per Rete Ferroviaria Italiana Spa
  • Smantellamento della Costa Concordia
  • Costruzione della linea produttiva in relazione al contratto Versalis-Ferrara IT EPC
  • L’utilizzo di un rig per la perforazione a terra
  • Contratto FEED per i servizi di ingegneria sul progetto SSV

 

LA PRESENZA SUL TERRITORIO:

  • Saipem genera valore in Italia. Beni e servizi acquistati, stipendi e tasse pagate, posti di lavoro generati direttamente e indirettamente sono esempi di come contribuiamo positivamente all’economia italiana.  
  • Saipem e I suoi fornitori. Siamo un catalizzatore per la crescita e l’internazionalizzazione dei nostri fornitori italiani. In merito a ciò, abbiamo raccolto 6 testimonianze. 
  • Saipem, un fornitore di servizi per la risposta agli sversamenti di petrolio. Un team specializzato (Oil Spill Response Team-OSRT) fornisce supporto specialistico per proteggere l’ambiente prevenendo l’inquinamento causato da attività industriali. 
  • Proficua collaborazione con scuole superiori locali. Il programma ‘Sinergia’ promuove una concreta comunicazione tra le istituzioni scolastiche e il mondo del lavoro e rafforza le competenze tecniche degli studenti. 
  • Italy loves Sicurezza. Un evento per consolidare Saipem come riferimento per la conoscenza, l’informazione e la divulgazione su tematiche di sicurezza. 

Scheda Paese

Nigeria
88%

dei dipendenti Saipem é locale

60%

dei manager é locale

81%

dell’ordinato per beni e servizi è locale

LA PRESENZA DI SAIPEM:

  • Saipem Contracting Nigeria

 

LE ATTIVITÀ DI SAIPEM:

  • Escravos Gas to Liquids Complex for Chevron Nigeria Ltd
  • Southern Swamp (Associated Gas Solutions - SSAGS) project
  • Dangote Fertilizer project
  • Egina project
  • Bonga North West project
  • Okwori 22-26

 

LA PROSPETTIVA DI BUSINESS:

La Nigeria è un mercato importante per Saipem. Ci concentriamo sulla promozione e sviluppo del Local Content attraverso investimenti di lungo termine, partnership con società locali e massimizzazione del valore in termini di occupazione e procurato locale per i progetti eseguiti in Nigeria.

 

LA PRESENZA SUL TERRITORIO:

  • La definizione degli MoU. Iniziare a lavorare in un territorio senza prima instaurare delle relazioni con la comunità può trasformarsi in una falsa partenza. Il Memorandum of Understanding è essenziale in questo senso.  
  • Formazione per i giovani della comunità. Abbiamo promosso l’acquisizione delle competenze attraverso una serie di corsi di formazione professionale per 100 giovani delle comunità dei territori in cui operiamo.
  • Formazione on-the-job per laureandi. Un programma promosso dal Governo Federale Nigeriano. 43 laureandi hanno svolto un’esperienza di lavoro in Saipem. 
  • Programma di Sviluppo del Capitale Umano. Attraverso questo programma abbiamo promosso lo sviluppo delle competenze locali coinvolgendo in attività di progetto 64 laureati. 
  • Formazione post-laurea. . Il programma ha permesso a 5 laureati di partecipare a internship e workshop focalizzati sull’Ingegneria Offshore. 
  • Impegno verso il miglioramento continuo dei sub-contrattisti su tematiche HSE. E’ stato organizzato un Forum HSE per 44 sub-contrattisti per promuovere la sensibilizzazione su tematiche relative a qualità, ambiente, salute e sicurezza. 
  • Riconoscimento sulla Responsabilità Sociale di Impresa. Siamo arrivati secondi al 2015 IPLOCA Corporate Social Responsibility Award: il riconoscimento si deve al nostro impegno socialmente responsabile in riferimento all’iniziativa sviluppata in Nigeria sull’emancipazione femminile. 

Scheda Paese

Congo
426

dipendenti Saipem

468

personale assunto tramite agenzie di lavoro

75%

delle persone che lavorano per Saipem è locale

LA PRESENZA DI SAIPEM:

  • Boscongo SA
  • Saipem SpA Congo
  • Boscongo Fabrication Yard
  • Boscongo Marine Base

 

LE ATTIVITÀ DI SAIPEM:

  • Litchendjili Onshore and Offshore Development project
  • MOHO North Offshore deepwater development project
  • Drilling offshore TAD (Tender Assisted Drilling)
  • PAPN (Port Autonome de Pointe-Noire)

 

LA PROSPETTIVA DI BUSINESS:

Saipem è ben equipaggiata per competere nel paese, in particolare nell’offshore e nelle acque profonde.

 

LA PRESENZA SUL TERRITORIO:

  • Combattere la malaria in Congo. Abbiamo lanciato varie iniziative per incrementare la conoscenza della malattia e sensibilizzare nella necessità di affrontarla. I membri della comunità, 82 dipendenti e 600 sub-contrattisti sono stati coinvolti. 
  • Il programma di internship di Boscongo. Un programma di internship per 9 studenti è stato lanciato per sanare la carenza di tali programmi nel Sistema educativo locale. 
  • Inaugurazione di un centro per la documentazione e l’informazione. Il centro è stato creato per coinvolgere gli studenti locali in numerose attività di sensibilizzazione. 
  • Promuovere il benessere delle comunità. Uno dei principali problemi emersi nelle comunità di Côte-Matève è la carenza del sistema idrico. In questo contesto, abbiamo costruito due pozzi d’acqua. 

Scheda Paese

Angola
2.307

dipendenti Saipem

62%

sono locali

44%

dei manager è locale

LA PRESENZA DI SAIPEM:

  • Saipem SA Angolan Branch
  • Saipem Luxembourg Angola Branches
  • Petromar Lda
  • Kwanda Lda
  • Sagio
  • TCPI
  • Deepwater Engineering and Technology
  • Ambriz Yard
  • Soyo Yard
  • Malongo (Cabinda) fabrication workshop

 

LE ATTIVITÀ DI SAIPEM:

  • East Hub Development project
  • Kaombo FPSO project
  • Mafumeira Sul EPCI 2 Offshore Pipeline
  • Girri FPSO Modifications
  • Kizomba Satellites Phase 2
  • Congo River Crossin

 

LA PROSPETTIVA DI BUSINESS:

Numerose opportunità commerciali, specialmente nel mercato offshore.

 

LA PRESENZA SUL TERRITORIO:

  • LiHS Trainer locali. Un processo formativo strutturato ha portato alla formazione di un gruppo di LiHS (Leadership in Health & Safety) trainer, che supporteranno tutte le società, progetti e mezzi navali nel paese.  
  • Combattere la malaria. In linea con il Programma Nazionale per il Controllo della Malaria, abbiamo continuato il nostro programma di prevenzione nel paese. 
  • Workshop per i sub-contrattisti. In collaborazione con la Camera di Commercio, abbiamo organizzato un workshop per identificare nuovi potenziali sub-contrattisti. 120 persone hanno partecipato. 
  • Promuovere la consapevolezza sull’etica del business. Il programma HOPE aiuta a migliorare la gestione dei principali rischi e questioni legate ai Diritti Umani nel business dell’ Oil & Gas, migliorandone la consapevolezza e incoraggiandone la discussione all’interno di uno specifico contesto socio-culturale. 
  • Sviluppare giovani talenti. Il programma Talentissimo rappresenta un’opportunità per attrarre studenti e svilupparne le competenze specifiche per il settore dell’Oil & Gas. 58 studenti sono stati selezionati per il programma. 
  • Saipem ha lanciato un’iniziativa per lo sviluppo agricolo. Alegria do Ambriz rafforza le attività agricole nell’area e contribuisce al reddito di 25 famiglie di piccoli contadini. 

Scheda Paese

Azerbaijan
1.094

dipendenti Saipem

51%

sono locali

82%

dell’ordinato per beni e servizi è locale

LA PRESENZA DI SAIPEM:

  • Saipem Contracting Netherlands BV Azerbaijan Branch

 

LE ATTIVITÀ DI SAIPEM:

  • Azeri-Chirag-Gunashili (ACG) oil field development project
  • Shah Deniz 2 (SD2) gas field project
  • South Caucasus Pipeline Expansion (SCPX) project

 

LA PROSPETTIVA DI BUSINESS:

C’è particolare attenzione ai campi downstream & power generation. L’Azerbaijan vuole diversificare la sua dipendenza economica dalle risorse naturali. Nel frattempo, il paese sta andando avanti con progetti downstream ambiziosi, soprattutto nel petrolchimico.

 

LA PRESENZA SUL TERRITORIO:

  • Internship per giovani laureati. Dal suo inizio, questo programma ha permesso a 120 giovani laureati di vivere esperienze on-the-job e di formazione durante l’internship prima dell’entrata ufficiale nel mondo del lavoro. 
  • Migliorare le competenze del personale medico locale. Abbiamo implementato un corso di formazione professionale per 9 medici locali impegnati in progetti offshore. 
  • Promuovere il Local Content nei progetti operativi. Per coinvolgere e informare le comunità locali sullo status del progetto e le opportunità di lavoro, abbiamo organizzato incontri pubblici. 
  • Proteggere la biodiversità. La pipeline del progetto SCPX attraversa aree sensibili. Nel nostro impegno verso la protezione di ecosistemi, habitat naturali e la conservazione delle specie, abbiamo trapiantato più di 360 Iris Acutiloba in fiore. 
  • Prevenzione e pianificazione del sistema di emergenza in caso di sversamenti in aree sensibili Per preservare il Mar Caspio e assicurare operazioni sostenibili e di lungo termine, il progetto Shah Deniz 2 ha riconosciuto la prevenzione di sversamenti come uno dei principali aspetti ambientali. Inoltre, sono state sviluppate mappe di rischio inquinamento per tutti i cantieri. 

Scheda Paese

Kazakhstan
3.268

dipendenti Saipem

64%

sono locali

670

accordi quadro firmati

LA PRESENZA DI SAIPEM:

  • Ersai Caspian Contractor Llc
  • Saipem SpA Kazakhstan Branch
  • Saipar Drilling Co

 

LE ATTIVITÀ DI SAIPEM:

  • Kashagan Field Development project
  • Giacimento di Karachaganak, operazioni di workover e perforazioni nelle province di Uralsk e Aktobe, e decommissioning e trasporto di rig del Cliente
  • EPC di un jack-up drilling rig

 

LA PROSPETTIVA DI BUSINESS:

Grazie sia alla grande esperienza in attività onshore e offshore in Kazakistan che al vantaggio competitivo dovuto alle strategie di Local Content, siamo in grado di cogliere future opportunità di business nel paese.

 

LA PRESENZA SUL TERRITORIO:

  • Ersai offre borse di studio. Supportiamo studenti finanziando il loro percorso di studi in una delle specializzazioni richieste dalla Società, presso una delle università statali. 
  • Promuovere l’imprenditorialità a Kuryk.Il progetto mira a sconfiggere la disoccupazione nella provincia Mangystau Oblast attraverso due iniziative: lo sviluppo di start-up e lo sviluppo dell’artigianato locale. 
  • Iniziative a favore dell’educazione prescolastica. Un programma Montessori è stato strutturato per migliorare le qualifiche professionali di 24 maestre locali, rafforzare i rapporti genitori-scuola materna e aumentare l’attenzione della comunità nei confronti dell’educazione dei più piccoli. 
  • Sviluppare l’istruzione scolastica. Il programma ha coinvolto e formato in nuove metodologie didattiche in Matematica, Storia e Kazako 55 maestri elementari. 
  • Rafforzare la manodopera locale del settore marittimo. Un corso di formazione marittima di 4 anni che sviluppa professionisti locali nel settore marittimo. I primi 8 cadetti sponsorizzati da Saipem si sono diplomati nel 2015. 

Scheda Paese

Indonesia
3.584

dipendenti Saipem

83%

sono locali

87%

dell’ordinato per beni e servizi è locale

LA PRESENZA DI SAIPEM:

  • PT Saipem Indonesia (PTSI)
  • Cantiere di fabbricazione a Karimun

 

LE ATTIVITÀ DI SAIPEM:

  • Jangkrik FPU EPCI
  • Jangkrik FPU Drilling
  • Tangguh LNG Onshore FEED

 

LA PROSPETTIVA DI BUSINESS:

Attualmente stiamo esplorando tutte le possibili opportunità per il 2016, accentrando gli sforzi sulle gare che riguardano lo sviluppo di giacimenti di gas. Altre opportunità derivano dalla valorizzazione del gas. Nel business offshore, il giacimento di Abadi costituisce un’opportunità per lo sviluppo di progetti FLNG e subsea.

 

LA PRESENZA SUL TERRITORIO:

  • Gestione delle emergenze all’ospedale di Karimun. Abbiamo firmato un MoU con le autorità di Karimun per migliorare la gestione delle emergenze nell’ospedale locale. 
  • Attenzione alla salute delle donne. Abbiamo contribuito al rinnovamento del centro medico di West Pangke Village, che garantisce assistenza medica e sensibilizza su certe tematiche mamme, bambini e donne anziane. 
  • Miglioramento dell’impianto igienico delle scuole. Per meglio rispondere alle esigenze dei più piccoli, abbiamo migliorato i servizi igienici della scuola elementare di Pangke Village. 
  • Avvicinare i bambini alla sicurezza e all’ambiente. La Little-LiHSE è un’iniziativa che ha coinvolto 231 figli di dipendenti per promuovere tematiche di sicurezza e protezione ambientale. 
  • Personale locale e sviluppo delle competenze. Abbiamo portato avanti una campagna di reclutamento e formazione per la popolazione di Karimun e di altre regioni indonesiane. 
  • Responsabilità in ambiente urbano. Abbiamo implementato due iniziative a supporto del sistema educativo nazionale: la prima sullo sviluppo delle capacità e la seconda sul miglioramento delle infrastrutture scolastiche. 
  • Scoprire nuovi talenti. Il programma di sviluppo sostenibile di giovani ingegneri (Young Engineer Sustainable Development Programme) ha coinvolto a Jakarta 13 giovani ingegneri. 
  • L’ingegneria del “Fattore Umano” applicata ai progetti. Abbiamo applicato le work instruction all’ingegneria del “Fattore Umano”, dimostrando un impegno nel creare un ambiente di lavoro e di vita confortevole, facilitando la cultura di un ambiente di lavoro salubre e proteggendo la salute e sicurezza del personale. 

Scheda Paese

Middle East
8.779

dipendenti Saipem

83%

sono locali

848

accordi quadro firmati

LA PRESENZA DI SAIPEM:

  • Arabia Saudita
  • Qatar
  • Kuwait
  • Emirati Arabi Uniti
  • Oman
  • Iran
  • Iraq

 

LE ATTIVITÀ DI SAIPEM:

  • Jazan Integrated Gasification Combined Cycle (JIGCC) project
  • Khurais Expansion project
  • Rabigh Phase II project
  • Al Wasit Gas Programme
  • Saudi Aramco Karan
  • Al Zour New Refinery project (NRP) - Packages 4 and 5

 

LA PROSPETTIVA DI BUSINESS:

L’abbondanza di riserve e un aumento del consumo di petrolio sotto le aspettative favorisce il segmento downstream, soprattutto in Arabia Saudita e Iran. Oman e Qatar pianificano di investire nelle infrastrutture, settore in cui abbiamo una comprovata esperienza. Inoltre, il Qatar investirà sia in impianti offshore di produzione gas che nel campo downstream dove abbiamo una altrettanto comprovata e riconosciuta esperienza.

 

LA PRESENZA SUL TERRITORIO:

  • Una catena di fornitura sostenibile. Per la prima volta nel 2015, Bahrain e Arabia Saudita sono stati inclusi nella Campagna di Responsabilità Sociale; due fornitori sono stati così coinvolti e auditati su tematiche di responsabilità sociale. 
  • Una “Carta Sostenibile” per l’Arabia Saudita. Abbiamo organizzato un Sustainability Strategy workshop in Arabia Saudita per definire strategia e le principali aree di intervento in relazione alle specificità del contesto locale. 
  • Collaborare con i sub-contrattisti per garantire operazioni sicure. Il Forum HSE è stato indirizzato a 17 rappresentanti di sub-contrattisti per promuovere la sensibilizzazione su tematiche relative a qualità, salute, sicurezza e ambiente. 
  • Un polo di formazione Saipem in Medio Oriente. Il Centro di formazione Saipem a Sharjah, soddisfando le esigenze di formazione dei dipendenti, è diventato l’epicentro dell’eccellenza nella formazione dentro e fuori i confini mediorientali. 
  • Shah-Habshan-Ruwais Etihad: il progetto infrastrutturale dell’anno: infrastructure project of the year. La scala e complessità del progetto sono state enormi, permettendoci di centrare un nuovo record mondiale durante la sua realizzazione. 

Scheda Paese

Saipem S.p.A. - Via Martiri di Cefalonia, 67 20097 San Donato Milanese (MI) Italy. Corporate capital 2,191,384,693 € fully paid-up.
Economic and Administrative Business Register Milan no. 788744 Taxpayer's code and VAT number 00825790157.